Skip to main content

Domani, all’Unicredit Pavillon di Milano si apre la 13esima edizione del Festival delle Lettere. Per chi non conoscesse ancora questa manifestazione, si tratta della celebrazione della scrittura epistolare attraverso incontri, musica, letture delle missive vincitrici del concorso. Pura poesia, perché ormai le lettere non le scrive nè le legge più nessuno, sicché il gesto assume ormai una valenza lirica che dovremmo coltivare al pari delle altre arti.AC78DF19-8A51-4209-8D62-7F7D65244148

Ogni anno la manifestazione è caratterizzata da un tema, quest’anno è la “lettera ad un cervello in fuga” , storie di quei figli che lasciano il nostro paese per studiare o lavorare altrove e delle madri che restano a casa ad aspettare. Le mamme a distanza, insomma.

Il tema nasce da un blog, mammedicervelliinfuga.com, aperto un anno fa da una mamma napoletana di due figli ormai americani per scambiare impressioni e consigli su questo tipo di genitorialità  a cui, non immaginavamo, ci saremmo tutti dovuti piegare. Nel corso del festival le mamme del blog si potranno incontrare dal vivo e coinvolgere nelle loro esperienze altre mamme nella medesima situazione. 14F01D36-6E2F-440-35FEBBEAD7ED

Il tema è interessante anche per chi i figli li ha a casa e magari sono lontani solo con il cuore, o sono adolescenti difficili, o ragazzi disabili che hanno bisogno di cure ed attenzioni diverse, insomma un incrocio di idee sul ruolo genitoriale ai nostri tempi è davvero cosa utile.

Ma il festival non è solo questo, è musica con Eugenio Finardi, teatro con David Riondino, a leggere le lettere più belle ci sarà anche la bravissima Cecilia Dazzi e Giusy Versace racconterà la sua storia. Troverete il programma completo dei due giorni sul sito festival delle lettere.it,

Festival delle lettereoltre che su Facebook e potrete seguirlo anche su Twitter, Instagram ed YouTube.

A riprova del fatto che coltivare le lettere non significa rinnegare la tecnologia, ma unire passato e presente per consentire all’uomo di affacciarsi al futuro senza dimenticare mai che la differenza tra noi ed un bot non sarà mai colmabile, perché l’anima è irriproducibile.

FESTIVAL DELLE LETTERE UNICREDIT PAVILLON MILANO 14/15 OTTOBRE, INGRESSO LIBERO FINO A ESURIMWNTO POSTI, PRENOTAZIONE E PROGRAMMA SUL SITO FESTIVALDELLELETTERE.IT

Leave a Reply